www.GotQuestions.org/Italiano




"Libro di Geremia"

Autore: il primo versetto del capitolo 1 di Geremia identifica il Profeta Geremia come suo autore.

Datazione: il libro di Geremia fu scritto tra il 630 ed il 580 a.C.

Scopo del Libro: il libro di Geremia narra la profezia finale di Giuda, avvertendo la distruzione della nazione qualora non dovesse pentirsi. Geremia avverte la nazione e la esorta a tornare a Dio. Nello stesso modo, Geremia riconosce l'inevitabilità della distruzione di Giuda a causa della sua idolatria ed immoralità.

Versetti Chiave: Geremia 1:5, “«Prima che io ti avessi formato nel grembo di tua madre, io ti ho conosciuto; prima che tu uscissi dal suo grembo, io ti ho consacrato e ti ho costituito profeta delle nazioni».”

Geremia 17:9, “Il cuore è ingannevole più di ogni altra cosa, e insanabilmente maligno; chi potrà conoscerlo?”

Geremia 52:12-13, “Il decimo giorno del quinto mese - era il diciannovesimo anno di Nabucodonosor, re di Babilonia - Nebuzaradan, capitano della guardia del corpo, al servizio del re di Babilonia, giunse a Gerusalemme, 13 incendiò il tempio del SIGNORE e il palazzo del re, diede alle fiamme tutte le case di Gerusalemme e arse tutte le case ragguardevoli.”

Breve Riassunto: il libro di Geremia è un messaggio di giudizio contro Giuda per la sua idolatria (Geremia 7:30-34; 16:10-13; 22:9; 32:29; 44:2-3). Dopo la morte del re Giosia, l'ultimo re giusto, la nazione di Giuda aveva abbandonato quasi del tutto Dio ed i Suoi comandamenti. Geremia paragona Giuda ad una prostituta (Geremia 2:20; 3:1-3). Dio promise che avrebbe giudicato l'idolatria severamente (Levitico 26:31-33; Deuteronomio 28:49-68), e Geremia avvertiva Giuda del giudizio di Dio in arrivo. Dio aveva salvato Giuda dalla distruzione molte volte, ma la Sua misericordia giungeva al termine. Geremia narra del re Nebuchadnezzar che conquista e sottomette Giuda (Geremia 24:1). Dopo ulteriori ribellioni, Dio porta il re Nebuchadnezzar ed il suo esercito a distruggere Giuda e Gerusalemme (Geremia capitolo 52). Ma anche durante il giudizio più severo, Dio promette di riportarli alla terra da Lui promessa (Geremia 29:10).

Profezie: Geremia 23:5-6 presenta la profezia dell'arrivo del Messia, Gesù Cristo. Il profeta Lo descrive come il Ramo della casa di Davide (v. 5; Matteo 1), il re che regnerà nella saggezza e giustizia (v. 5, Apocalisse 11:15). Cristo sarà riconosciuto da Israele come il vero Messia, poiché Egli provvederà a dare salvezza agli eletti (v. 6; Romani 11:26).

Applicazione pratica: il profeta Geremia ebbe un messaggio difficile da dare. Geremia amava Giuda, ma amava Dio ancor di più. Per quanto potesse essere doloroso per Geremia dare un tale messaggio al proprio popolo, Geremia fu obbediente di fronte a ciò che Dio di diceva di dire. Geremia sperava e pregava di avere misericordia da Dio per il Suo popolo, ma aveva anche fiducia nella bontà e giustizia di Dio. Anche noi dobbiamo obbedire Dio, anche quando è difficile, egli riconosce la volontà di Dio più importante dei suoi desideri e confida nel fatto che Dio, nella Sua infinita saggezza e nel Suo piano perfetto, avrebbe dato il meglio ai Propri figli (Romani 8:28).

© Copyright 2002-2014 Got Questions Ministries.