www.GotQuestions.org/Italiano




Domanda: "Cosa significa che Gesù salva?"

Risposta:
“Gesù salva” è uno slogan piuttosto diffuso (NDT, nei paesi statunitensi) che compare sugli adesivi nel retro delle automobili,su cartelloni durante eventi sportivi e su grandi stendardi che svolazzano, nel cielo, da piccoli aeroplani. Purtroppo, però, sono pochi coloro che, pur vedendo tali scritte comprendono il vero significato del “Gesù salva” e che ne conoscono pienamente il senso. Difatti c’è una verità ed un potere straordinario in tale affermazione.

Gesù salva, ma chi è Gesù?
Molte persone ritengono che Gesù era un uomo vissuto in Israele circa 2000 anni fa. Normalmente qualsiasi religione del mondo crede che Gesù sia stato un buon maestro ed anche un buon profeta. Ma pur riconoscendo tali caratteristiche di Gesù, essi non colgono chi realmente sia Gesù e non danno valore o spiegazione al Gesù che salva o del perché salva. Gesù è Dio in forma umana (Giovanni 1:1-14). Gesù è Dio che venne sulla terra come vero essere umano (1 Giov. 4:2). Dio divenne un essere umano nella persona di Gesù, per poterci salvare. Questo ci porta alla prossima domanda: perché abbiamo bisogno di essere salvati?

Gesù salva, ma perché abbiamo bisogno di essere salvati?
La Bibbia afferma che non è mai vissuto essere umano che non abbia peccato (Ecclesiaste 7:20; Romani 3.23). Peccare significa fare qualcosa che riguarda la sfera del pensiero, della parola o delle opere che contraddicono il carattere perfetto e santo di Dio. A causa del nostro peccato meritiamo tutti il giudizio di Dio (Giovanni 3:18, 36). Dio è perfettamente giusto e non può permettere che peccato e malvagità restino impuniti. Poiché Dio è infinito ed eterno e tutto il peccato è contro Dio (Salmo 51:4), è necessaria una punizione eterna ed infinita. La morte eterna è l’unica punizione per il peccato. Ecco perché abbiamo bisogno di essere salvati.

Gesù salva, ma come salva?
Poiché abbiamo peccato contro un Dio infinito, o una persona finita (noi) deve pagare per i propri peccati per un infinito periodo di tempo, oppure una Persona infinita (Gesù) deve pagare per i nostri peccati una volta per tutte. Non c’è un’altra opzione. Gesù ci salva morendo al posto nostro. Nella persona di Gesù Cristo Dio ha sacrificato se stesso al posto nostro, pagando la pena eterna ed infinita che solo Lui poteva pagare (2 Corinzi 5:21; 1Giovanni 2:2). Gesù ha preso su di sé la punizione che meritiamo noi per salvarci da un destino orribile, l’appropriata conseguenza del nostro peccato. Grazie al Suo grande amore per noi, Gesù ha donato la Sua vita (Giovanni 15:13), pagando la pena che meritavamo noi, ma che non eravamo in grado di pagare. Gesù è poi risuscitato, dimostrando che la Sua morte era veramente sufficiente per pagare la pena per i nostri peccati (1 Corinzi 15).

Gesù salva, ma chi salva?
Gesù salva tutti coloro che ricevono il suo dono di salvezza. Gesù salva tutti coloro che confidano pienamente nel Suo sacrificio soltanto, per il peccato (Giovanni 3:16; Atti 16:31). Mentre il sacrificio di Gesù fu perfettamente sufficiente a pagare per i peccati di tutta l’umanità, Gesù salva soltanto coloro che ricevono personalmente il più prezioso dei Suoi doni (Giovanni 1:12).

Se ora hai compreso ciò che vuol dire “Gesù salva” e vuoi porre la tua fiducia in Lui come tuo personale Salvatore, accertati di comprendere e di credere la seguente frase, con una scelta di fede, verbalizzandola così:” Dio, riconosco di essere un peccatore e di meritare la separazione eterna da Te. Anche se non ne sono degno, grazie perché mi ami ed hai provveduto il sacrificio per i miei peccati attraverso la morte e la resurrezione di Gesù Cristo. Credo che Gesù è morto per i miei peccati, perciò scelgo di confidare in Lui soltanto per la mia salvezza. Da ora in poi ti prego di aiutarmi a vivere per te e non più per soddisfare i miei desideri e peccati. Aiutami a vivere il resto della mia vita in gratitudine per la meravigliosa salvezza che Tu hai provveduto. Grazie Gesù per avermi salvato!”


© Copyright 2002-2014 Got Questions Ministries.