Libro di Sofonia



Libro di Sofonia

Autore:
Sofonia 1:1 identifica il suo autore con il Profeta Sofonia. Il nome di Sofonia significa “difeso da Dio”.

Datazione: Il libro di Sofonia fu probabilmente scritto tra il 735 ed il 725 a.C.

Scopo del Libro: Il messaggio di giudizio e incoraggiamento contiene tre dottrine: 1) Dio è sovrano su tutte le nazioni. 2) I malvagi saranno puniti e i giusti saranno vendicati nel giorno del giudizio. 3) Dio benedice coloro che si pentono e confidano in Lui.

Versetti chiave: Sofonia 1:18, "Neppure il loro argento, neppure il loro oro potranno salvarli. Nel giorno dell'ira del Signore e al fuoco della sua gelosia tutta la terra sarà consumata, poiché farà improvvisa distruzione di tutti gli abitanti della terra."

Sofonia 2:3, "Cercate il Signore voi tutti, umili della terra, che eseguite i suoi ordini; cercate la giustizia, cercate l'umiltà, per trovarvi al riparo nel giorno dell'ira del Signore."

Sofonia 3:17, "L'Eterno, il tuo DIO, in mezzo a te è il Potente che salva. Egli esulterà di gioia per te, nel suo amore starà in silenzio, si rallegrerà per te con grida di gioia."

Breve riassunto: Sofonia annuncia il giudizio del Signore su tutto il mondo, su Giuda, sulle confinanti nazioni, su Gerusalemme e su tutte le nazioni. Questo è seguito dall'annuncio della benedizione del Signore su tutte le nazione soprattutto per la Sua popolazione in Giuda.

Sofonia ebbe il coraggio di parlare perché egli sapeva che stava annunciando la Parola del Signore. Il libro inizia con "la parola del Signore" e termina con “il Signore dice." Egli sapeva che né le molte divinità adorate né la potenza dell'esercito Assiro poteva salvarli. Dio è misericordioso e compassionevole, ma quando tutti i Suoi avvertimenti sono ignorati, arriverà il giudizio. Il giorno del giudizio di Dio è menzionato nelle Scritture. I profeti lo chiamano “il Giorno del Signore”. Loro si riferiscono a vari eventi come la caduta di Gerusalemme come le manifestazioni del giorno del Signore, le quali puntano tutte verso il giorno del Signore.

Profezie: La benedizione finale su Sion è annunciata nei versetti 14-20, i quali concludono con le profezie messianiche che aspettano la Seconda Venuta di Cristo. Il Signore ha portato via la nostra punizione attraverso Cristo che è venuto per morire per i peccati del Suo popolo (Sofonia 3:15; Giovanni 3:16). Ma Israele non ha riconosciuto il vero Salvatore. Ma questo deve ancora avvenire (Romani 11:25-27).

La promessa di pace e salvezza per Israele sarà compiuta quando Cristo ritornerà per giudicare il mondo e sarvarlo. Così come Egli è asceso al cielo dopo la resurrezione, così Egli tornerà e creerà una nuova Gerusalemme in terra (Apocalisse 21).

Applicazione pratica: Con alcuni adattamenti nei nomi e nelle situazioni, il profeta del settimo secolo a.C. Potrebbe stare dietro i nostri pulpiti oggi e dare un giudizio simile ai malvagi e speranza ai fedeli. Sofonia ci ricorda che Dio è offeso dai peccati morali e religiosi del Suo popolo. Il popolo di Dio non potrà evitare la punizione dovuta per il peccato. La punizione potrebbe essere dolorosa, ma lo scopo sarà la redenzione. L'inevitabilità della punizione della malvagità da conforto in un tempo in cui sembra che la crudeltà sia vittoriosa. Abbiamo la libertà di disobbedire a Dio, ma non la libertà di scappare dalle conseguenze della disobbedienza. Coloro che son fedeli a Dio possono essere pochi, ma Dio non si dimentica di loro.


Torna alla home page italiana

Libro di Sofonia